Trasformazione

Da molti anni avevo perso il piacere di imparare cose nuove dal lavoro che facevo, di gratificarmi nello scoprirmi brava a fare qualcosa, di ricevere un complimento sulle mie qualità da una persona capace di insegnarmi cose importanti. Il mio lavoro era diventato ormai sterile per me, ed io per lui. Ero completamente priva di stimoli. Tanta ragione del malessere che c’è in ognuno di noi è spesso legata all’incapacità, molto spesso all’impossibilità, di svincolarsi e di uscire dalla gabbia di costrizioni in cui viviamo quando facciamo un lavoro che non ci piace, che non ci migliora, che non ci insegna e nel quale sentiamo di non riuscire ad esprimere chi siamo. Fatta la scelta e trovato il coraggio di abbandonare un mondo a cui avevo smesso di appartenere il nuovo mondo che mi si è presentato era ricco di novità e di stimoli. Credo la difficoltà più grande nell’operare una scelta così importante sia capire quale possa essere l’alternativa: io questa possibilità l’ho avuta e non posso dire sia stata solo fortuna.

trasformazione gioielli

La mia fortuna è quella di avere buon gusto, di essere precisa, affidabile e curiosa ma ho avuto la forza di non fermarmi neanche per un istante e di cercare fino al limite della sopportazione qualcosa su cui investire. Alla fine ho capito che non stavo investendo sulla cosa più importante: me. Oggi so di avere moltissimo da dare e altrettanto da imparare, so di poter fare tanto e bene e so che ci vuole impegno e molta pazienza ma so con chiarezza cosa mi piace fare e cosa no. Credo di avere tanto da esplorare, molte tecniche da apprendere e tanto tempo per poter praticare. Il corso che ho frequentato recentemente era sulle tecniche di lavorazione dei metalli in una prestigiosa scuola di gioelleria contemporanea di Firenze. E’ stata una gioia continua, scoprire passo dopo passo quante cose avrei potuto imparare, quanto c’è da esplorare e quanto spazio ho davanti a me per continuare a farlo, con soddisfazione. E’ appagante poter usare le mani per creare un gioiello che qualcuno indosserà; il lavoro artigianale è duro ma è prezioso perché consente di realizzare qualcosa di concreto a partire dalla materia grezza. Il più grande regalo che possiamo farci è stimolarci ad imparare sempre, per continuare a vivere.

Iniziare un nuovo cammino spaventa. Ma dopo ogni passo che percorriamo ci rendiamo conto di come era pericoloso rimanere fermi. Roberto Benigni

Lascia una risposta